certificazione acustica

In occasione del secondo Seminario di Acustica e Industria – Certificazione acustica dei prodotti industriali, tenutosi presso le strutture del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Ferrara in data 11 febbraio 2016, EST S.r.l. ha presentato un poster illustrante l’esperienza di un caso applicativo di certificazione acustica e vibrazionale di attrezzature manuali portatili.

L’evento è stato organizzato con lo scopo costituire un momento di conoscenza e di aggiornamento tecnico-scientifico in relazione alla “Direttiva macchine” ed alle successive numerose disposizioni legislative e normative che hanno ampliato le tipologie di prodotti industriali oggetto di certificazione (macchine destinate a operare all’aperto, elettrodomestici, ecc.), interessando anche nuovi settori (risparmio energetico, ecc.).

In questo contesto le emissioni sonore e le emissioni di vibrazioni sono oggetto di interesse, in quanto ad oggi sono molteplici le macchine e le apparecchiature che richiedono la certificazione acustica della potenza sonora emessa e del livello dell’emissione di vibrazioni.

Forti sono quindi le richieste tecniche poste nei confronti di chi opera nei laboratori degli stabilimenti, delle università e delle strutture di ricerca.

Nel caso particolare presentato da EST, le attrezzature sottoposte a verifica sono costituite da:

  • Un applicatore pneumatico per l’estrusione di siliconi e sigillanti;
  • Una pistola per grassaggio.

Le apparecchiature da provare risultano soggette alla Direttiva Macchine, in quanto rientranti nella definizione di “macchina” riportata all’art. 2 del D.Lgs. 17/2010: “insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un’applicazione ben determinata”.

Trattandosi di macchine, è stata inizialmente svolta una ricerca tra le norme armonizzate il cui elenco è periodicamente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GUCE) tramite specifiche Comunicazioni della Commissione nell’ambito dell’applicazione della direttiva 2006/42/CE.

Sono state svolte sia misure acustiche in un ambiente rispondente ai requisiti di cui alle norme UNI che misure delle vibrazioni associate al funzionamento dell’apparecchiatura sotto controllo.

Sulla base dei risultati ottenuti possono essere svolte le seguenti considerazioni:

  • La definizione iniziale delle migliori modalità di svolgimento delle prove, comprendente la ricerca delle norme tecniche applicabili, può presentarsi non immediata, e richiede una conoscenza di base della normativa generale riguardante la sicurezza dei prodotti, ossia delle Direttive di Prodotto, con particolare riguardo alla Direttiva Macchine.
  • Nei casi in cui, per una determinata macchina o apparecchiatura, non esista una specifica norma tecnica che definisce le modalità di misurazione del rumore e delle vibrazioni emesse, è necessario ricorrere a norme tecniche più generali. Ciò comporta per il misuratore la necessità di definire autonomamente le condizioni di utilizzo delle apparecchiature, impiegando criteri necessariamente cautelativi.
  • È necessario che le condizioni di esercizio (nel caso specifico frequenza di comando e pressione di alimentazione) vengano chiaramente riportate nella “Dichiarazione di emissione sonora” e nella “Dichiarazione di emissione vibratoria”.

Per maggiori dettagli, è possibile visualizzare il pdf del poster  che è stato presentato al convegno, nel quale sono riportati i dettagli dell’esperienza descritta, delle relative misure e dei fac-simile delle dichiarazioni di emissione. Clicca qui.

Per chi volesse approfondire l’argomento, scrivere a: consulenza@estambiente.it (rif. ing. Lubrini)

La “nuova” Direttiva Macchine – che poi tanto nuova ormai non è più, essendo entrata in vigore nel febbraio 2010 – relativamente agli “accessori di sollevamento”, ha introdotto rigorosi e stringenti obblighi in materia di verifiche periodiche, il più delle volte ancora disattesi. Una materia importante e delicata, sia dal punto di vista sostanziale, sia formale, che vogliamo ora approfondire.

Cosa dice la Legge

attrezzature sollevamentoIl Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17, di attuazione della direttiva comunitaria 2006/42/CE, considera “macchine” anche i seguenti prodotti (articolo 2 comma 2):

  • accessori di sollevamento: componenti o attrezzature non collegate alle macchine per il sollevamento, che consentono la presa del carico, disposti tra la macchina e il carico oppure sul carico stesso, oppure destinati a divenire parte integrante del carico e ad essere immessi sul mercato separatamente; anche le imbracature e le loro componenti sono considerate accessori di sollevamento;
  • catene, funi e cinghie.

In pratica, ciò significa che tutti gli accessori di sollevamento acquistati devono essere corredati di certificato di conformità CE e di manuale d’uso e manutenzione. Documenti che devono essere conservati con cura, ed eventualmente esibiti in occasione di sopralluoghi ispettivi degli enti di controllo.

L’equiparazione degli accessori di sollevamento alle macchine fa fare un salto di qualità, se così possiamo dire, anche alle sanzioni. L’utilizzo di accessori di sollevamento non marcati CE, o comunque privi del relativo certificato di conformità, è sanzionato dall’articolo 71 comma 1 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, con un’ammenda da 2.740 a 7.014 euro (in caso di ottemperanza al verbale di prescrizione/contravvenzione, la sanzione effettivamente da pagare è pari a 1.753 euro, ovvero un quarto del massimo).

L’importanza delle verifiche

Una volta acquistati accessori di sollevamento marcati CE, essi devono ovviamente essere mantenuti in buone condizioni, e periodicamente verificati, per evitare usure eccessive e danneggiamenti. Si tratta di un obbligo di natura tecnica, ma anche legislativa, esplicitamente prescritto dal citato Decreto 81/2008:

Articolo 71 comma 8 lettera b)

le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dare origine a situazioni pericolose siano sottoposte:

1. ad interventi di controllo periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili dai codici di buona prassi.

Tali interventi di controllo devono essere eseguiti da “persona competente”, devono essere “riportati per iscritto” e devono essere “tenuti a disposizione degli organi di vigilanza” per tre anni.

Questa prescrizione di Legge, anch’essa sanzionata con un’ammenda da 2.740 a 7.014 euro, di fatto impone la predisposizione di un “registro degli accessori di sollevamento” e delle relative verifiche.
In pratica, dopo aver eseguito un censimento di tutti gli accessori di sollevamento presenti in azienda, risulta necessario predisporre questo “registro”, sul quale indicare le varie scadenze delle verifiche. Verifiche che devono essere documentate e certificate.

L’esatta periodicità delle verifiche deve essere stabilita essenzialmente sulla base delle indicazioni del manuale d’uso degli accessori di sollevamento. In mancanza di indicazioni, appare ragionevole adottare una periodicità trimestrale per gli accessori in acciaio, in analogia alla verifica delle funi e delle catene degli apparecchi di sollevamento. Per gli accessori in materiale tessile, la periodicità dipende dalla gravosità dell’utilizzo, ma certo non potrebbe essere maggiore di tre mesi, ovvero della periodicità prevista per gli accessori in acciaio.

Chi può eseguire tali verifiche?

Come accennato, tali verifiche devono essere eseguite da “persona competente”, senza alcun riferimento a ditta specializzata, ente di controllo o particolari qualifiche e abilitazioni. Cosa possiamo quindi intendere con il termine “persona competente”?

In merito, non esiste una specifica definizione legislativa, ma ci possiamo riferire, per analogia, alle norme di buona tecnica per la verifica periodica dei dispositivi di sicurezza anticaduta (ad esempio, la UNI EN 365): “Persona a conoscenza delle esigenze in vigore concernenti gli esami periodici, le raccomandazioni e le istruzioni del produttore applicabili al componente, al sottosistema o al sistema da verificare”.

Parlando di apparecchi di sollevamento, e dei relativi accessori, possiamo quindi tentare di definire la nostra “persona competente” come una “persona a conoscenza delle norme di legge e di buona tecnica applicabili, nonché a conoscenza delle raccomandazioni e delle istruzione del costruttore, applicabili agli accessori di sollevamento  in particolare e al corrispondente apparecchio di sollevamento in generale”.

Di fatto, la “persona competente” potrebbe ragionevolmente essere il manovratore della gru o del carroponte, a patto che abbia frequentato l’apposito corso formativo specifico, che abbia ricevuto un’adeguata formazione generale e specifica in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, che abbia un minimo di esperienza pregressa e che, ovviamente, sia stato formalmente designato dal datore di lavoro.

Marcatura CE

La gestione delle non conformità in materia di sicurezza, rilevate dagli organi di vigilanza su attrezzature di lavoro “marcate CE”, risulta non poco complessa, tenuto conto della sua notevole ricaduta in termini di “sicurezza sostanziale”, se pensiamo che può prevedere la modifica e l’adeguamento di tutte le attrezzature già vendute nell’intero territorio dell’Unione Europea.

Ingranaggi2La materia risulta normata dai decreti legislativi 81/2008 (cosiddetto Testo Unico) e 17/2010 (cosiddetta “nuova” Direttiva Macchine), cui si aggiungono le recenti Linee guida prodotte dal Coordinamento delle Regioni: “Indicazioni procedurali del Coordinamento delle Regioni in merito all’applicazione del D.Lgs. 81/2008 e della nuova direttiva macchine. Le procedure per non conformità ai RES (Requisiti Essenziali di Sicurezza), in caso di vizio palese e vizio occulto e in caso di rischio grave e immediato”.

Il documento è rivolto in primo luogo agli operatori dei servizi di vigilanza delle Aziende Sanitarie Locali, ma risulta di grande utilità anche per le aziende utilizzatrici e per tutti i soggetti legati alla produzione e commercializzazione di attrezzature di lavoro marcate CE, nuove e usate. Vengono infatti evidenziate le responsabilità penali connesse all’uso e alla commercializzazione di attrezzature di lavoro non conformi. Particolare attenzione viene rivolta anche ai trattori e alle macchine agricole, agli impianti elettrici e alle responsabilità dei lavoratori autonomi.

Per conoscere i servizi offerti da EST, visita anche: Servizi – Rischio in ambiente di lavoro

rulli compattatoriI rulli compattatori per asfaltatura sono una macchina all’apparenza “tranquilla” e a basso rischio, ma in realtà nascondono insidie non trascurabili. Risulta quindi fondamentale, sia in sede di acquisto, sia di utilizzo o di noleggio, verificare la rispondenza di tali macchine alla vigente normativa in materia di sicurezza. Poiché i rulli compattatori sono soggetti alla marcatura di conformità CE, in pratica occorre verificare la rispondenza ai cosiddetti Requisiti Essenziali di cui all’Allegato I della Direttiva Macchine (Decreto Legislativo 17/2010). A tale scopo, ci viene in aiuto una guida tecnica edita da varie associazioni e istituzioni nazionali ed europee, la quale, come si può leggere nell’introduzione, “aiuta a distinguere in maniera semplice una macchina conforme da una non conforme. Non ha la pretesa di essere onnicomprensiva, ma intende attivare delle spie di allarme su alcuni aspetti specifici riguardanti la conformità. Ora, qualora una o più di queste spie siano accese, è molto probabile che ci si trovi di fronte ad una macchina non conforme”.

Per scaricare la guida, ricca di fotografie, cliccare qui: Rulli compattatori Guida CE_Originale

La nuova “Guida” alla Direttiva Macchine

E’ finalmente disponibile la versione in lingua italiana della seconda edizione della “Guida all’applicazione della Direttiva Macchine 2006/42/CE”, edita dalla Commissione Europea Imprese e Industria. Un documento tecnico ponderoso e dettagliato – ben 429 pagine – di grande importanza per tutti gli addetti ai lavori, tenuto conto anche dell’ampliamento del campo di applicazione della direttiva stessa, che ora comprende anche tutti gli accessori di sollevamento.

Per scaricare il documento clicca qui:  Direttiva Macchine_Guida tecnica ufficiale