More

LogoMore2La tecnologia WiFi applicata alla tutela ed alla gestione delle risorse ambientali ha portato EST a realizzare un progetto di Monitoraggio Remoto (in sigla MORE. – Monitoring Over Remote Environment) che ha vinto, su ben 540 partecipanti, un bando della Regione Lombardia in tema di “sviluppo di attività di servizio innovative”.
Nasce così MORE, un’azienda giovane e dinamica in cui la ricerca, la sperimentazione della Tecnologia WSN è parte fondamentale nei servizi proposti.

In estrema sintesi, il progetto MORE mira ad applicare la tecnologia WSN (Wireless Sensor Network) alle tematiche ambientali e del territorio, sviluppando servizi di monitoraggio con tecniche di rilevamento remoto per il controllo e la gestione di fenomeni ambientali.

La tecnologia offerta da MORE è sostanzialmente di tipo modulare, di facile installazione e gestione, con la possibilità di modifiche, aggiunte e integrazioni in qualsiasi momento.

Il sistema è così strutturato:

  • una serie di sensori posizionati direttamente nella canalizzazioni per la rilevazione di vari parametri, a seconda delle esigenze (portata, Ph, torbidità, conducibilità elettrica etc.) collegati con un gateway;
  • uno o più Gateway, ovvero piccoli “centri di elaborazione”, che ricevono i dati inviati dai sensori e dopo una prima rielaborazione, li inviano alla “centrale operativa”;
  • “centrale operativa”, in pratica un computer, che riceve ed elabora tutti i dati inviati.

In condizioni normali, i dati rilevati vengono inviati alla “centrale operativa” a intervalli regolari, ma in taluni casi – le cosiddette funzioni di allarme – l’invio avviene immediatamente, con l’attivazione di preimpostati sistemi di allarme (messaggio telefonico, invio di e-mail e simili).

Infine, un accenno al software gestionale del sistema, che presenta non poche peculiarità, di sicura utilità:

  • indicazione dei vari sensori su mappa interattiva;
  • inserimento di nuovi sensori o elementi di rete;
  • generazione manuale o automatica di grafici;
  • anagrafica personalizzata, con possibilità di scegliere le diverse segnalazioni che si vorrà ricevere in caso di allarme;
  • filtri regolabili per abbinamenti tra segnalazioni provenienti da sensori di diverso tipo;
  • interfaccia testuale contenente tutti gli eventi generati dal sistema in campo;
  • accesso alle funzioni da tutto il mondo attraverso una connessione internet ed un normale Browser.