Parapetti perimetrali in edilizia: Linea guida INAIL per scegliere il modello migliore

Nei lavori in quota su coperture, specie nel caso di ristrutturazioni, rifacimenti di tetti, manutenzioni straordinarie e simili, i parapetti perimetrali, anche detti guardacorpo, rappresentano una validissima alternativa al classico ponteggio, con un notevole risparmio economico. I parapetti perimetrali presentano una notevole rapidità e facilità di montaggio/smontaggio, con una grande versatilità di utilizzo. Per contro, la scelta e il montaggio di tali parapetti, di cui esistono varie tipologie, non possono in alcun modo essere improvvisate o affidate al caso: si tratta infatti di un dispositivo di protezione anticaduta di tipo collettivo, a tutti gli effetti definibile “salvavita”.

Nella pratica, premesso che tali parapetti devono essere conformi alla norma tecnica UNI EN 13374:2004, la recente Linea guida INAIL “Analisi delle caratteristiche funzionali e di resistenza di differenti tipi di parapetti provvisori prefabbricati utilizzati nei cantieri temporanei o mobili” ha analizzato e verificato, per alcuni fra i prodotti presenti sul mercato, il soddisfacimento dei requisiti geometrici e di resistenza previsti dalla citata UNI EN 13374. Si tratta quindi di un importante supporto alle imprese, in fase di acquisto.

Per scaricare il documento, cliccare qui

Condividi
Tweet
Condividi
+1
Pin