snpa Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente
Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA)
Il 15 Giugno 2016, la Camera ha approvato in via definitiva la legge che istituisce il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA).

SNPA Sistema nazionale per la protezione dell’ambienteMercoledi 15 Giugno 2016 si è concluso l’iter parlamentare della legge che istituisce il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (SNAP) e disciplina l’ISPRA, L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA). L’adozione di un sistema a livello nazionale garantirà omogeneità ed efficacia delle attività di controllo ambientale, supporterà le politiche di sostenibilità ambientale e costituirà la fonte ufficiale, autorevole ed omogenea di tutto ciò che riguarda le informazioni, il monitoraggio, l’analisi e le valutazioni in campo ambientale.

Altro punto fondamentale della legge è l’istituzione di Livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali (Lepta) e la rete informativa nazionale ambientale, la cosiddetta Sinanet.

Questa legge dovrà contribuire a rafforzare, nel nostro Paese, le attività rivolte all’ambiente, attivare politiche di prevenzione e protezione delle matrici ambientali.

Esistono già formalmente i compiti di ricerca finalizzata e sperimentazione da parte delle Agenzie Regionali e Provinciali, ma l’istituzione di un sistema unificato garantirà la condivisione dei dati e le informazioni attraverso attività di reporting standardizzata e le attività di natura ispettiva, di vigilanza e controllo.

Lo scopo ultimo di questa fonte ufficiale ed autorevole di procedure e informazioni è la tutela non solo dell’ambiente, ma anche da chi ci vive.

Leggi il comunicato stampa ufficiale di SNPA.

materiali di scavo, terre e rocce da scavoPremesso che la Legge 9 agosto 2013 n. 98, cosiddetto “Decreto del fare”, ha introdotto una serie di modifiche al regime normativo inerente i materiali di scavo (terre e rocce da scavo), ARPA Lombardia ha ritenuto di emettere una circolare esplicativa e applicativa, nonché un modello consigliato di “Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà”.

Nello specifico, la circolare chiarisce gli adempimenti per materiali provenienti da scavi soggetti e non soggetti al regime di VIA e/o AIA, chiarendo il ruolo e le competenze di ARPA.

Per scaricare la circolare e il relativo modello, cliccare qui