sicurezza sul lavoro finanziamenti sulla sicurezza registro infortuni formazione per rspp

Nuovi finanziamenti sulla sicurezza del lavoro. L’INAIL ha infatti pubblicato il nuovo Bando Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro per un importo pari a € 276.269.986 (di cui € 45.432.300 destinati alla Lombardia). Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 5 maggio 2016. Sono ammessi a contributo i progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie: Progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori: Ristrutturazione o modifica degli ambienti di lavoro Acquisto di macchine Acquisto di dispositivi per lo svolgimento di attività in ambienti confinati Acquisto e installazione permanente di ancoraggi Installazione, modifica o adeguamento di impianti elettrici Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale: Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art 30 del D.Lgs….

...Continua a leggere...

Contributi INAIL per investimenti in sicurezza

L’INAIL ha pubblicato il Bando Incentivi ISI 2014: dal 3 marzo al 7 maggio 2015 le aziende interessate potranno inserire online, sul portale dell’Istituto, le domande di finanziamento. Si tratta di oltre 267 milioni di euro a fondo perduto, per la realizzazione di progetti di investimento finalizzati al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza del lavoro o all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Lo stanziamento è ripartito in budget regionali, che tengono conto del numero dei lavoratori e dell’indice di gravità degli infortuni rilevato sul territorio. I contributi vengono assegnati fino ad esaurimento, sulla base dell’ordine cronologico di arrivo delle domande di partecipazione, ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito quali quelli gestiti dal Fondo di garanzia delle piccole e medie imprese e da Ismea. Il contributo può arrivare fino al 65 per cento dei costi, con un massimo di 130mila…

...Continua a leggere...

La Camera di commercio di Bergamo intende far conoscere e valorizzare le iniziative adottate dalle imprese bergamasche impegnate in azioni di “Responsabilità sociale di impresa” (Rsi), attraverso la raccolta delle cosiddette “buone prassi”, attuate anche in maniera inconsapevole. La partecipazione al bando è aperta alle imprese di ogni dimensione e di ogni settore economico, con sede operativa nella provincia di Bergamo, che abbiano realizzato, o stiano attuando, comportamenti e iniziative attinenti i vari campi di applicazione della Rsi , in “aggiunta” alle prescrizioni di legge vigenti. Le azioni messe in atto – rigorosamente inedite – devono riguardare almeno due dei seguenti aspetti: qualità del lavoro e relazioni con il personale; progetti e iniziative a favore della comunità e del territorio; progetti, iniziative, sistemi di gestione con impatti positivi sulle problematiche ambientali; qualità delle relazioni con i fornitori, partner commerciali, i clienti e i consumatori; innovazione di processo o prodotto-servizio di…

...Continua a leggere...