inail - contributiL’INAIL ha pubblicato il Bando Incentivi ISI 2014: dal 3 marzo al 7 maggio 2015 le aziende interessate potranno inserire online, sul portale dell’Istituto, le domande di finanziamento. Si tratta di oltre 267 milioni di euro a fondo perduto, per la realizzazione di progetti di investimento finalizzati al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza del lavoro o all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Lo stanziamento è ripartito in budget regionali, che tengono conto del numero dei lavoratori e dell’indice di gravità degli infortuni rilevato sul territorio. I contributi vengono assegnati fino ad esaurimento, sulla base dell’ordine cronologico di arrivo delle domande di partecipazione, ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito quali quelli gestiti dal Fondo di garanzia delle piccole e medie imprese e da Ismea. Il contributo può arrivare fino al 65 per cento dei costi, con un massimo di 130mila euro.

Da notare due particolarità di sicuro interesse: per i progetti che comportano contributi superiori a 30mila euro, è possibile chiederne un’anticipazione pari al 50 per cento, che sarà concessa previa costituzione di garanzia fideiussoria a favore dell‘Inail; al contributo possono accedere anche imprese individuali. La procedura di richiesta è analoga a quella degli anni scorsi.

Non esitate a contattarci per valutare insieme la possibilità di accedere al finanziamento: consulenza@estambiente.it

Trovate, comunque, tutti i dettagli del bando sul sito INAIL cliccando qui.

Anche per l’anno 2013, l’INAIL stanzia un consistente fondo per l’erogazione di contributi finanziari in conto capitale alle aziende, finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Nello specifico, si tratta del “Bando Isi 2013”, forte di una dotazione di 307,36 milioni di euro.

Nel dettaglio, il contributo è pari al 65 per cento dell’investimento, per un massimo di 130mila euro, e verrà erogato dopo le necessarie verifiche tecnico-amministrative e la realizzazione del progetto. Particolare significativo, al bando possono accedere anche imprese individuali.

Tutta la procedura si svolge online, sul sito INAIL, con una prima fase dal 21 gennaio all’8 aprile 2014, con l’inserimento del progetto oggetto della richiesta di finanziamento. Se le caratteristiche del progetto sono in linea con i requisiti del bando, sarà possibile partecipare alla fase successiva di invio telematico della domanda vera e propria. I finanziamenti sono a fondo perduto e saranno assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di invio. Tra l’altro, il finanziamento sarà cumulabile con altri benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito (ad esempio, quelli gestiti dal Fondo di garanzia delle PMI e da Ismea).

Tutti i dettagli cliccando sul sito INAIL Inail Isi 2013.

Per le imprese, anche di piccole dimensioni – e addirittura anche individuali – si tratta di una preziosa occasione, specie in questa difficile congiuntura economica: stiamo parlando dei contributi INAIL alle imprese che eseguono miglioramenti in materia di sicurezza sul lavoro. Si tratta del “Bando 2012”, che avrà effetto nel 2013, con uno stanziamento nazionale di 155 milioni di euro, con ben 27 milioni riservati alla Lombardia. In particolare, sono messi a disposizione contributi in conto capitale (minimo 5mila, massimo 100mila euro) nella misura del 50 per cento del costo dell’intervento di miglioramento programmato. Nel concreto, i contributi riguarderanno i seguenti progetti migliorativi: interventi strutturali, acquisto di macchinari, adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato, adozione di modelli organizzativi di gestione della sicurezza.

Operativamente, il bando prende il via il 15 gennaio 2013: fino al 14 marzo 2013 è possibile inserire, nell’Area Cliente del sito INAIL, il proprio progetto migliorativo. Dal 18 marzo, i progetti che hanno superato un determinato punteggio minimo, partecipano alla selezione vera e propria, che si concluderà nel mese di aprile 2013. In seguito, le imprese avranno dodici mesi per realizzare il progetto migliorativo proposto.

Il bando e le modalità di dettaglio sul sito INAIL

La Regione Lombardia, con delibera di Giunta n. 2604 del 30 novembre 2011, ha istituito un bando per l’assegnazione di un contributo economico per l’installazione di dispositivi antiparticolato su mezzi d’opera a motore diesel utilizzati in ambito di cantiere.
Possono accedere al contributo imprese individuali o societarie aventi sede legale o operativa in Lombardia, che abbiano in proprietà mezzi d’opera diesel, aventi una potenza installata maggiore di 37 KW e anno di costruzione successivo al 1990, operanti all’interno di cantieri autorizzati localizzati in Comuni appartenenti agli agglomerati di Milano, Brescia e Bergamo, con l’aggiunta dei capoluoghi di provincia della bassa pianura (Pavia, Lodi, Cremona e Mantova) e relativi Comuni di cintura appartenenti alla zona A, o in Comuni non ricadenti nelle zone sopra individuate che abbiano aderito al protocollo volontario relativo all’adozione delle misure regionali di risanamento della qualità dell’aria.

Sono ammessi a contributo l’acquisto con relativa installazione di dispositivi antiparticolato omologati secondo il decreto del Ministero dei Trasporti n. 39 del 25 gennaio 2008, con un limite del 75 per cento dei costi sostenuti e con un massimo di cinque mezzi per impresa. Le domande devono essere presentate all’Automobile Club Milano entro il 15 aprile 2012.

Tutti i dettagli, con la relativa modulistica, sul sito della Regione Lombardia:
http://www.reti.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Attivita&childpagename=DG_Reti%2FWrapperBandiLayout&cid=1213486697507&p=1213486697507&packedargs=locale%3D1194453881584%26menu-to-render%3D1213301212494&pagename=DG_RSSWrapper&tipologia=Agevolazioni

La Camera di Commercio di Bergamo ha istituito un fondo di 200mila euro, con l’obiettivo di erogare contributi alle imprese industriali che stimolino la formazione e l’aggiornamento professionale, mediante la partecipazione a master, corsi e seminari.

Sono ammessi al contributo le spese fatturate a partire dal primo gennaio 2011 (per imprese con unità locali nella bergamasca), con un limite massimo del 50 per cento del costo (in ogni caso, con un tetto di 2.500 euro per impresa).
Le domande possono essere presentate solo per via telematica, a partire dal primo dicembre 2011.

Tutti i dettagli e le informazioni cliccando su: http://www.bg.camcom.it/release/bandi/bando_0116.html

Per le micro, piccole e medie imprese lombarde, è un’occasione da sfruttare appieno: dal 5 luglio 2011 è possibile richiedere la concessione di “Voucher per servizi di ricerca e innovazione e contributi per i processi di brevettazione”, fino a un massimo di 12mila euro. Nello specifico, si tratta di contributi finalizzati all’acquisto di servizi per la ricerca e l’innovazione, o per l’inserimento di capitale umano qualificato in azienda, oltre a un contributo per le spese sostenute per l’acquisizione di uno o più brevetti, o modelli europei o internazionali.

Le domande di concessione possono essere presentate, solo in modalità telematica, dal 5 luglio al 30 dicembre 2011. Tutte le informazioni sul sito della CCIAA di Bergamo: http://www.bg.camcom.it/release/bandi/bando_0123.html

La Camera di Commercio di Bergamo ha stanziato un fondo di 100mila euro destinato a sostenere progetti di controllo di gestione, di checkup finanziario e di aggregazione aziendale.
Possono partecipare al bando le piccole e medie imprese industriali con unità produttive in provincia di Bergamo, per interventi effettuati in tali sedi, fatturati a partire dal primo gennaio 2011.

Nel dettaglio, il contributo non potrà superare il 40 per cento del costo sostenuto, fino a esaurimento del fondo, con riferimento ai seguenti progetti:

  • sistemi per il controllo di gestione e modelli per l’analisi dei costi;
  • checkup finanziari legati a piani di ristrutturazione aziendale o finalizzati alla capitalizzazione aziendale tramite ingresso di fondi di private equity;
  • consulenza per l’analisi e la valorizzazione della componente intangibile dell’impresa;
  • progetti volti all’aggregazione di Pmi per la soluzione di problemi specifici (gruppi d’acquisto, consorzi distributivi all’estero, reti d’impresa ecc.) attraverso la creazione di forme consortili, di cooperazione o processi di fusione e aggregazione.

Tutte le informazioni di dettaglio cliccando su: http://www.bg.camcom.it/release/bandi/bando_0120.html

Bando Salvambiente Artigianato 2011

Camera di Commercio di Bergamo, Regione e Unioncamere Lombardia mettono a disposizione un fondo di € 1.500.000,00 da erogare alle imprese artigiane con sede in Lombardia, quale contributo per l’introduzione di innovazione nei processi e prodotti a basso impatto ambientale e per il sostegno al risanamento ambientale nell’esercizio dell’attività d’impresa.

In particolare, possono presentare domanda di contributo:

  • imprese artigiane, iscritte all’Albo Provinciale delle Imprese Artigiane presso le Camere di Commercio della Lombardia, con sede produttiva in Lombardia, in regola con il pagamento del diritto camerale annuale;
  • consorzi, società consortili, cooperative, iscritte alla Sezione Separata dell’Albo Provinciale delle imprese artigiane presso le Camere di Commercio della Lombardia con sedi produttive in Lombardia.

La richiesta di contributo deve essere presentata alla Camera di Commercio territorialmente competente nel periodo interorrente tra il  15 febbraio 2011  e il  13 maggio 2011.

Per tutte le informazioni, cliccare su http://www.bg.camcom.it/release/bandi/bando_0118.html