sistri mud 2015 rifiuti industriali
MUD 2015 – CONFERMATA LA MODULISTICA

E’ stato pubblicato il DPCM 21 dicembre 2015 “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2016”, con il quale è stato confermato il modello di dichiarazione allegato al DPCM 17 dicembre 2014, già utilizzato l’anno precedente.

Il modello deve essere utilizzato per le dichiarazioni da presentare con riferimento all’anno precedente e sino alla piena entrata in operatività del Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti (SISTRI).

Per i rifiuti prodotti nel corso del 2015 viene confermata la SCADENZA DI PRESENTAZIONE del MUD 2015 al 30 APRILE 2016.

I soggetti tenuti alla presentazione del capitolo 1 del MUD 2015 (COMUNICAZIONE RIFIUTI) sono i seguenti:

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
  • Imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00
  • Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g) del DLgs 152/06).

Per approfondimenti contattate: consulenza@estambiente.it

emissioni in atmosfera
GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA: DICHIARAZIONE SULLE EMISSIONI
Scadenza al 31 Maggio 2014 per la dichiarazione sulla quantità di emissioni in atmosfera di Gas Fluorurati per l'anno 2013.

Secondo quanto stabilito dal DPR 43/2012 entro il 31 maggio 2014 gli operatori delle applicazioni fisse contenenti gas fluorurati ad effetto serra devono presentare al Ministero dell’Ambiente per il tramite dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) una dichiarazione contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relativi all’anno 2013, sulla base dei dati contenuti nel relativo registro di impianto.

L’obbligo di dichiarazione si applica alle seguenti apparecchiature fisse, contenenti 3 kg o più di gas fluorurati a effetto serra:

  • impianti di refrigerazione;
  • impianti di condizionamento di aria;
  • pompe di calore;
  • impianti di protezione antincendio.

Le istruzioni utili per la compilazione on-line sono reperibili all’indirizzo seguente:
http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/fgas/informazioni-utili

Per quanto riguarda la figura dell’operatore si ricorda che il Regolamento CE n. 842/2006 all’art.2, co.6  definisce  “operatore”, una persona fisica o giuridica che eserciti un effettivo controllo sul funzionamento tecnico delle apparecchiature e degli impianti contemplati dal regolamento stesso.

Per approfondimenti o richieste di chiarimenti, non esitate a contattare un ns. consulente: consulenza@estambiente.it