Prosegue la costante e significativa riduzione degli infortuni sul lavoro in Italia. E, quel che più conta, “al netto” della crisi economica, cioè tenendo conto dell’andamento occupazionale, delle unità di lavoro/anno e delle ore lavorate per dipendente.

E’ questo l’aspetto saliente del “Rapporto annuale INAIL” presentato il 10 luglio 2012, che ha evidenziato, nel 2011 rispetto al 2010, un calo del 6,6 per cento del totale degli infortuni sul lavoro, mentre gli infortuni mortali si sono ridotti del 5,4 per cento, passando da 973 a 920.

…Continua a leggere…