sistri mud 2015 rifiuti industriali
ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI: IN VIGORE IL NUOVO REGOLAMENTO
In data 07/09/2014 è entrato in vigore il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela dell’Ambiente e del Mare n. 120 del 03/06/2014 (G.U. n. 195 del 23/08/2014): ”Regolamento per la definizione delle attribuzioni e delle modalità di organizzazione dell'Albo nazionale dei gestori ambientali, dei requisiti tecnici e finanziari delle imprese e dei responsabili tecnici, dei termini e delle modalità di iscrizione e dei relativi diritti annuali”.

La norma ha abrogato e sostituito il D.M. n. 406 del 28/04/1998, che regolamentava le iscrizioni all’Albo Nazionale Gestori Ambientali (ANGA) ed ha introdotto alcune novità in merito alla gestione dell’Albo stesso, di cui riportiamo breve indicazione: Modifica ai requisiti di idoneità del Responsabile Tecnico: oltre al titolo di studio ed all’esperienza è stata introdotta un’ulteriore idoneità, che andrà verificata con cadenza quinquennale, e che sarà definita con successiva Deliberazione del Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali; Variazione degli importi dei diritti di iscrizione; Eliminazione della perizia giurata per l’attestazione dell’idoneità dei mezzi di trasporto (si veda in merito la recentissima Delibera n. 6 del 09/09/2014 del Comitato Nazionale dell’Albo); Riduzione dei tempi per la conclusione dell’istruttoria di iscrizione  all’Albo, che passano da 90 a 60 giorni; Semplificazione delle procedure di rinnovo dell’iscrizione; Ridenominazione del trasporto in conto proprio di rifiuti in categoria 2 bis; Variazione delle classi di iscrizione alle…

...Continua a leggere...

effetto serra

In Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L150 del 20.5.2014 è stato pubblicato il Regolamento CEE/UE 16.4.2014 n. 517 sui gas fluorurati ad effetto serra, che abroga il precedente Regolamento CEE/UE 17.5.2006 n. 842. Il nuovo Regolamento entrerà in vigore il  1 gennaio 2015. I principali argomenti oggetto di novità riguardano: l’obbligo di controllo delle perdite; la quantità limite di gas ad effetto serra contenuto nell’apparecchiatura per stabilire se dovrà o meno essere soggetta a controllo periodico; la frequenza con cui effettuare i controlli periodici; il sistema di rilevamento delle perdite; l’istituzione del registro di impianto; formazione e qualificazione del personale; restrizioni all’immissione in commercio. Per approfondire l’argomento, scrivete a: consulenza@estambiente.it

...Continua a leggere...

Come anticipato da EST pochi mesi fa (vedi http://www.estambiente.it/?p=483#more-483), nella seduta del Consiglio dei ministri del 22 luglio 2011 è stato approvato il regolamento per la semplificazione dei procedimenti in materia di prevenzione incendi che gravano sulle imprese. Un regolamento che vuole attuare concretamente lo “Small Business Act” europeo, sulla base del principio di proporzionalità, ovvero garantire adempimenti amministrativi differenziati a seconda della dimensione dell’impresa e dell’effettiva esigenza di tutela degli interessi pubblici. Nel dettaglio, le attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi da parte del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco saranno distinte in tre categorie, per le quali sarà prevista una disciplina differenziata in relazione al rischio: Categoria A: attività a basso rischio e standardizzate. Verrà eliminato il parere di conformità sul progetto; sarà sufficiente utilizzare la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA). I controlli successivi all’avvio dell’attività, definiti in base al rischio, avverranno a campione, con sopralluogo,…

...Continua a leggere...

Tra pochi mesi, saranno operativi due importanti regolamenti semplificativi in materia di prevenzione incendi e tutela ambientale, approvati dal Governo lo scorso 3 marzo. Due regolamenti che vogliono attuare concretamente lo “Small Business Act” europeo, sulla base del principio di proporzionalità, ovvero garantire adempimenti amministrativi differenziati a seconda della dimensione dell’impresa e dell’effettiva esigenza di tutela degli interessi pubblici. Vediamo ora le principali novità.

...Continua a leggere...