In materia di formazione dei lavoratori e dei preposti, ormai disciplinata dall’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (di seguito definito semplicemente Accordo), dobbiamo ora registrare la definizione dei “Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro”. Il citato Accordo prevedeva infatti, in attesa di ulteriori prescrizioni legislative, che i docenti in materia di sicurezza sul lavoro dovessero semplicemente “dimostrare di possedere esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro”: un requisito oggettivamente “soft”, in una materia di tale complessità. Ora l’attesa è terminata, con l’emanazione del Decreto Interministeriale 6 marzo 2013, ufficializzato tramite un “avviso” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 18 marzo 2013. Nello specifico, il decreto recepisce i criteri di qualificazione della figura dei formatori per la salute e sicurezza sul lavoro, individuati dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul…

...Continua a leggere...

Senza voler esagerare e fare della facile retorica, siamo a una svolta storica nell’evoluzione della normativa nazionale in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Il 21 dicembre 2011 la “Conferenza Stato Regioni” ha infatti emanato l’accordo previsto dall’articolo 37 comma 2 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, ovvero i “requisiti minimi”, in termini di durata, contenuti e modalità, della formazione da impartire ai lavoratori, preposti e dirigenti. Finalmente è possibile dare sostanza alla prescrizione dell’articolo 37 comma 1 del citato decreto, che prescrive alle imprese l’obbligo di fornire ai lavoratori “una formazione sufficiente ed adeguata”. Fino all’emanazione di questo accordo, nessuno poteva dire quand una formazione era “sufficiente e adeguata”, con la conseguenza che “tutti formavano tutti”, nei tempi, modi e contenuti più disparati. E pressoché senza possibilità di controllo e di intervento degli enti di controllo, salvo casi eclatanti. Tutte le imprese dovranno ora verificare lo stato di formazione…

...Continua a leggere...