La normativa in materia di sicurezza sul lavoro nel comparto edile risulta non poco complessa e articolata, anche a carico del proprietario/committente, e poco cambia se questi è un privato cittadino, del tutto digiuno di conoscenze tecniche, legislative e giuridiche. In questo contesto, assume particolare rilevanza e utilità un agile manuale dell’INAIL (in collaborazione con il coordinamento dei CPT della Toscana), intitolato “I rischi del proprietario”. Un documento snello e immediato (12 pagine), rivolto a privati cittadini, proprietari di immobili, amministratori di condominio e titolari di aziende (anche agricole). Tutti questi soggetti, nell’atto di commissionare una qualsiasi opera edile, assumono in proprio tutta una ben precisa serie di obblighi, il cui mancato rispetto viene sanzionato pesantemente, anche a livello penale. L’opuscolo vuole quindi sintetizzare questi obblighi, facilitando il compito dei proprietari/committenti, sia in proprio, sia nel caso decidessero di incaricare un professionista quale “Responsabile dei lavori”. Per scaricare il documento,…

...Continua a leggere...

Gestione dei rifiuti: i ruoli e la responsabilità CONDIVISA
In data 10 aprile 2012 è stata pubblicata la sentenza della Corte di Cassazione Penale Sez. III, n. 13363 (Ud. 28 feb. 2012) avente per tema la gestione dei rifiuti e la responsabilità condivisa.

In particolare, la sentenza cita, con riferimento agli artt. 188, 193 e ss. Del D.Lgs. 152/2006, che “tutti i soggetti che intervengono nel circuito della gestione dei rifiuti sono responsabili non solo della regolarità delle operazioni da essi stessi posti in essere, ma anche di quelle dei soggetti che precedono o seguono il loro intervento mediante l’accertamento della conformità dei rifiuti a quanto dichiarato dal produttore o dal trasportatore, sia pure tramite la verifica della regolarità degli appositi  formulari, nonché la verifica del possesso delle prescritte autorizzazioni da parte del soggetto al  quale i rifiuti sono conferiti per il successivo smaltimento”. Appare evidente, quindi, che le responsabilità del controllo all’interno della filiera della gestione dei rifiuti sono estese ad una pluralità di soggetti, in relazione ai diversi passaggi della catena produzione/trasporto/smaltimento. Come sottolinea l’avv. Zaniolo, esperto sul D.Lgs. 231/2001 “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle…

...Continua a leggere...