Dispositivi di Protezione Individuali regolamento CLP SINP sicurezza sul lavoro
Sicurezza sul lavoro nella bergamasca
Nella bergamasca viene registrato un preoccupante primato negativo per le malattie professionali

A seguito dell’ultimo incidente mortale avvenuto lunedì 17 ottobre proprio in bergamasca, la stampa si è attivata per sensibilizzare su un tema di grande attualità e rilevanza per le implicazioni che comporta.  “Ancora una volta, profondamente scossi, abbiamo appreso la notizia di un infortunio mortale in un luogo di lavoro – affermano le segreterie di Cgil, Cisl e Uil di Bergamo -. È il diciassettesimo dall’inizio dell’anno sul nostro territorio o accaduto fuori dai confini provinciali a lavoratori che risiedono in provincia di Bergamo. È tempo che tutti si muovano e agiscano, è un’emergenza che deve avere una fine”. Nelle ultime statistiche ufficiali, la Provincia di Bergamo detiene il primato lombardo per malattie professionali ed è risultata la seconda provincia lombarda per numero di infortuni mortali. Ben 17 casi di decesso dall’inizio dell’anno 2018. Si tratta, quindi, di dati altamente preoccupanti, che devono far riflettere sul ruolo sempre più importante che deve assumere il tema della salute e…

...Continua a leggere...

Premesso che i lavoratori devono essere soggetti a una formazione specifica in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro in occasione “del trasferimento o cambiamento di mansione” (art. 37 comma 4 lettera b) Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81), una recente circolare del Ministero del Lavoro (prot. 37/0020791/MA008.A001 del 27.11.2013) fornisce un importante chiarimento in materia, specificando che tale norma di legge va applicata a trasferimenti o cambiamenti di mansione che abbiano un carattere “sostanziale”, ovvero con “la sussistenza di effettive e concrete esigenze di adeguamento del patrimonio formativo del dipendente”. In pratica, un cambiamento di mansione, di qualifica, o di reparto produttivo di un lavoratore non presuppone automaticamente la necessità di una formazione aggiuntiva/integrativa, che dovrà essere erogata solo a seguito di una valutazione di merito “della prestazione lavorativa nel nuovo servizio al quale è trasferito, che potrebbe esporre il lavoratore a rischi sui quali non è stato…

...Continua a leggere...